Chantal Delsol “La fine della cristianità e il ritorno del paganesimo”

Edizioni Cantagalli. Presentiamo questo libro nella certezza che si tratta di un contributo che può e deve realizzare un confronto e un dialogo tra …

Chantal Delsol “La fine della cristianità e il ritorno del paganesimo”

Dobbiamo essere grati all’Editore Cantagalli, perché la pubblicazione del testo di Chantal Delsol, “La fine della cristianità e il ritorno del paganesimo”, introduce un tema di cui è sempre più necessario parlare, dialogare, riflettere.

Così l’Editore presenta questo testo:

«La grande filosofa francese con coraggio e decisione sentenzia senza troppi giri di parole la fine della Cristianità, della Civiltà che per quasi due millenni ha intriso l’occidente. Riecheggiano in questo libro le parole di J. Ratzinger/Benedetto XVI che affida la custodia e la memoria della Cristianità a minoranze creative, che la Delsol non esita a chiamare “testimoni”, agenti segreti di Dio.
L’analisi della Delsol è sferzante quasi cinica, scevra di quella nostalgia che offusca il giudizio e l’analisi dei fatti e della storia. Pensare, come in molti fanno, ad un risorgere della Civiltà cristiana (“dei bei tempi che non ritornano più”) è utopistico e non funzionale alla bellezza e alla forza del Cristianesimo. L’autrice prende atto di un dato di fatto: la cristianità è definitivamente tramontata e soppiantata, non dall’ateismo o dal nichilismo, ma da un nuovo paganesimo che venera qualsiasi astrazione iconica dei valori promossi dalla Cristianità. Così sorge una nuova religione ove vengono venerate le piante, gli animali, l’uomo, la tecnica, il progresso etc. che rappresentano immagini sbiadite di quei valori “cristiani” che sono stati prima atomizzati e separati dalla fede grazie ad una crociata anticristiana cruenta ed ineludibile, poi riciclati in una nuova religione che non ha una tradizione e si autoalimenta.
Un modo di vivere è finito e l’autrice descrive “la storia di una sconfitta ove tutto è stato aspramente difeso e nulla si è salvato, la storia di una concreta agonia, di un duello all’ultimo sangue perso in anticipo”.
Una fiammella è rimasta accesa, si muove flebilmente nel buio in attesa che un cuore ed una mente pacificata, affrancata dai rancori del passato, alimenti di nuovo una fiamma che illumini il futuro dell’umanità e del mondo.»

>>> www.culturacattolica.it

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...