L’amore guarisce sempre chi lo fa, chi lo vive, chi lo dona!

E’ iniziata l’ultima cena, e da oggi per tre giorni staremo a tavola anche noi con Gesù e la sua combriccola di amici.

E allora io mi trovo il mio posticino in questa tavolata: accanto a Giuda ovviamente, l’unico personaggio sempre citato in questi tre giorni, magari per imparare pure da lui, per guardarlo da vicino, per smettere di scandalizzarmi del suo tradimento, e lasciare che sia la ‘passione’ di Gesù l’unguento che mi cura, che guarisce il mio tradimento.

Osservo, ascolto, leggo tensione sui volti: Gesù sa che è giunta la sua ora, ma non dev’esser facile lasciare libero il tuo amico di tradirti, di venderti al miglior offerente. Ma Lui continua ad offrire, a donare, e così a Giuda offre un pezzo di pane, offre se stesso: è quello stesso pane che nutre da sempre l’umanità intera di Dio!

Pietro, l’uomo tutto d’un pezzo, quello concreto, dei fatti: proprio qui casca, sul più bello, e la sua parola stavolta sarà così distante dalla sua vita! A lui che offre Gesù? Di seguirlo più tardi, quando si sarà reso conto del suo tradimento, quando sarà stato guarito dal sangue donato fino all’ultima goccia per amore.

Ma è Giovanni che mi preoccupa più di tutti oggi: come mai, lui che scopre l’inganno, se ne sta lì tranquillo senza far nulla? Mi son sempre chiesto perché non l’abbia fermato, non abbia fatto qualcosa: anche lui così assente, o forse centrato su di se, sulle sue convinzioni, tale e quale Pietro e Giuda. E a lui Gesù offre niente meno che il cuore, tutto il suo cuore!

Non c’è da star felici con questi amici, ma così è, e l’amore di Gesù sembra non bastare a guarire il cuore dei suoi!

Ma l’amore guarisce sempre chi lo fa, chi lo vive, chi lo dona!

Ci proverò oggi a guarire…

fa Giorgio Bonati


💛💗💜💗❤️💗💜💗❤️💗💜💛💝

Annunci

3 thoughts on “L’amore guarisce sempre chi lo fa, chi lo vive, chi lo dona!

  1. Nostro fratello Giuda
    (Primo Mazzolari)
    Gesù chiama “amico” Giuda: questa parola dice l’infinita tenerezza della carità del Signore.
    Noi possiamo tradire l’amicizia di Cristo, Cristo non tradisce mai noi, suoi amici!
    Anche quando non lo meritiamo, anche quando ci rivoltiamo contro di lui, anche quando lo neghiamo.
    Davanti ai suoi occhi, davanti al suo cuore noi siamo sempre gli amici del Signore.
    Lasciate che io domandi a Gesù, a Gesù che è in agonia, a Gesù che ci accetta come siamo, lasciate che io gli domandi, come grazia pasquale, di chiamarmi amico.
    Perché la Pasqua è questa parola, detta a un povero Giuda come me, detta a dei poveri Giuda come voi.
    Questa è la gioia: che Cristo ci ama, che Cristo ci perdona, che Cristo non vuole che noi disperiamo.
    Per lui, noi saremo sempre gli amici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...