Meta del viaggio è raccontare + la notte….

Anche Dio ama la notte
                                              Valentino Salvoldi

leggoerifletto

Se, anche Dio ama la notte…. – Valentino Savoldi

Tanti ragazzi rischiano di buttare via il tempo, frammentati in attività e occupazioni insignificanti. Corrono per risparmiare il tempo e, quando ce l’hanno, non sanno come fare per ammazzarlo! In molti Paesi africani si suol dire: “Quando Dio creò il tempo, ne creò tanto”. Questa affermazione non vuole giustificare la perdita di tempo, bensì sottolineare che esso va regalato agli amici.La Bibbia, parlando di Giobbe, per far capire che il Signore lo ricompensò per avere superato egregiamente tante prove, tanto dolore, afferma: “Lo saziò di giorni”. Cioè aggiunse giorni a giorni, affinché potesse godere fino in fondo la vita, anche nella vecchiaia. Ciò significa che i nostri giorni vanno vissuti bene, il tempo va speso con intelligenza e amore, perché non torna indietro. Se si riscrivesse la Bibbia, anche Dio si aggiornerebbe: “Lo saziò di giorni e di notti”… É un privilegio svegliarsi ogni mattina col sorriso sulle labbra al pensiero: “Anche oggi potrò amare, capire, lodare, sognare, stare con gli amici, ricevere e dare felicità”. E cos’è la felicità se non sentirsi bene nello scorrere delle ore, assieme a persone che vogliono vivere il tempo come grazia e come vita? Vita che è tale solo quando si sperimenta di amare e di essere amati.Se, poi, uno ha anche il privilegio di credere nella vita eterna, allora non vive l’effimero istante presente con angoscia, perché tutto è preludio dell’eternità. Là, ogni gesto d’amore sarà sublimato: lo sguardo, la carezza, la parola usata non per passare il tempo, ma come dono, saranno scritti nel libro della vita, che non conosce banalità, ma solo gli eccessi dell’amore.
Valentino Savoldi – da: V. Savoldi, Anche Dio ama la notte, Brescia, Ed. Queriniana, 2001, p. 86 (Lettere ai giovani, 6)


Tutti abbiamo sperimentato quanto sia fluttuante la nostra percezione del tempo che scorre. Quando siamo in attesa di qualcosa di imminente, ogni minuto sembra durare un’eternità. Quando viviamo momenti di festa, il tempo sembra invece straordinariamente fugace. La nostra memoria è come un giardino che guardiamo a distanza: i rovi intricati dell’angoscia e delle attese interminabili, le inquietudini che ci hanno tormentato, le ansie che hanno rovinato il nostro buon umore, non ne vediamo più alcun segno: non vediamo altro che il delicato fiore dei momenti felici.
Ed è per questo che il nostro giardino è bello: un solo fiore di gioia basta a catturare la nostra attenzione e la nostra meraviglia tanto da farci dimenticare cento erbacce di tristezza e di dubbio.

«Un solo momento di gioia scaccia cento momenti di tristezza».

Proverbio cinese

Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

www.leggoerifletto.com

www.efuseraefumattina.blogspot.it

«Meta del viaggio è viaggiare», canta Fabrizio De André. E io aggiungo: «Meta del viaggio è raccontare». E’ bello, infatti, condividere esperienze che, mentre danno vita all’istante presente, ci permettono di sognare.Il senso di provvisorietà che accompagna ogni viaggiatore mi ha insegnato a non aspettare la partenza per dire : «Ti voglio bene». Mi ha incoraggiato ad esprimere a tante persone il mio bisogno d’amare e di essere amato. «Sono un mendicante d’amore», rispondo a chi, incalzato dalla mia curiosità e dal mio sguardo, chiede: «Ma tu chi sei?».Per oltre venticinque anni ho studiato. Per altrettanti ho insegnato filosofia e teologia morale soprattutto nei paesi impoveriti come ‘professore visitatore’. Ora sono al servizio della Santa Sede per la formazione del clero delle giovani Chiese.Guida la mia attività di giornalista e di scrittore il desiderio di dare a tutti un anticipo di fiducia e una indicazione : «Se il mondo è così, non è colpa tua. Sarà colpa tua se lo lasci così». Per questo mi rivolgo soprattutto ai giovani. Li invito a cercare senza sosta la verità. Li incoraggio a scoprire la loro bellezza. Li esorto a non buttarsi via.Studiare tanto, pregare con costanza, scegliersi un maestro di vita e viaggiare: sono i punti su cui insisto perché sono convinto che un individuo vive tante esistenze quante sono le persone che ama, i paesi che visita e le lingue che parla.Costantemente a contatto con persone di diverse culture e di religioni, ho imparato ad apprezzare sempre più il dono della fede, il privilegio d’essere cristiano, l’intima gioia di vivere il mio battesimo come ministro di Dio. Perciò ho voglia di raccontare, mantenere la memoria, condividere esperienze e invitare qualcuno a salire sulle mie spalle, perché veda più in là di quanto io sia capace. Qualcuno che mi aiuti a sognare.

www.salvoldi.org

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...