Decalogo della parola

By leggoerifletto: 

Tacere davanti a te – Jean Gallot

 Tacere davanti a te, offrirti il mio silenzio 

in omaggio d’amore.
Tacere davanti a te per poter dire l’inesprimibile
al di là delle parole.
Tacere per liberare il fondo del mio spirito,
l’essenza della mia anima
Tacere per lasciar battere il cuore più forte
nella tua intimità,
e per prendere il tempo di guardarti meglio,
più libero e più sereno.
Tacere per sognare di te, della tua presenza,
della tua grande bontà,
e per scoprirti nella tua realtà
più bello del mio sogno.
Tacere per lasciare che lo Spirito d’amore gridi in me
“Abba” al Padre,
e dirti “Signore” con la sua voce divina
dagli accenti ineffabili.
Tacere, lasciarti rivolgermi la tua parola
in tutta libertà,
sforzarmi di ascoltare il tuo linguaggio segreto
e di meditarlo.
Tacere e cercarti non più con le parole
ma con tutto il mio essere,
e trovarti veramente quale tu sei, Gesù,
nella tua divinità.

– Jean Galot –

da: “Amarti senza vederTi”

Il digiuno del cuore

Signore, fa’ digiunare il nostro cuore: che sappia rinunciare a tutto quello che l’allontana dal tuo amore, Signore, e che si unisca a Te più esclusivamente e più sinceramente.

Fa’ digiunare il nostro orgoglio, tutte le nostre pretese, le nostre rivendicazioni, rendendoci più umili e infondendo in noi, come unica ambizione, quella di servirTi.

Fa’ digiunare le nostre passioni, la nostra fame di piacere, la nostra sete di ricchezza, il possesso avido e l’azione violenta; che nostro solo desiderio sia di piacere a Te in tutto.

Fa’ digiunare il nostro “io”, troppo centrato su se stesso, egoista indurito, che vuole trarre solo il suo vantaggio: che sappia dimenticarsi, nascondersi, donarsi.

Fa’ digiunare la nostra lingua, spesso troppo agitata, troppo rapida nelle sue repliche, severa nei giudizi, offensiva o sprezzante: fa’ che esprima solo stima e bontà.

Che il digiuno dell’anima, con tutti i nostri sforzi per migliorarci, possa salire verso di Te come offerta gradita, meritarci una gioia più pura, più profonda.

Amen

– Padre Jean Galot – 

Decalogo della parola

  1. Prima di parlare controlla che il cervello sia inserito.
    2. Non parlare di te: lascia che siano gli altri a scoprirlo.
    3. Regala parole buone: la scienza sta ancora cercando una medicina più      efficace delle parole buone.
    4. Non dire tutto ciò che pensi, ma pensa a tutto ciò che dici.
  2. Adopera ragioni forti con parole dolci.
    6. Quando parli, pensa all’insalata: è buona se ha più olio che aceto.
    7. Non basta parlare: bisogna comunicare. Chi parla difficile non comunica.
    8. Ascolta! Ascoltare è la forma più raffinata di parlare.
    9. Quando senti altrui mancamenti, serra la lingua tra i denti.
    10. Parla per ultimo: sarai ricordato per primo.

Pino Pellegrino, Marino Gobbin

Omelie per un anno, Vol. 1 – Anno A, Elledici 2004





Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...