‘O lente lente currite noctis equi’

La Morte del Tempo”…La morte degli innamorati…

Originally posted on leggoerifletto

da: “La Morte del Tempo” – Giancarlo Petrella

Ed ecco Lucifero dalle ali stupendamente blu; occhi finissimi, zigomi accentati, pelle bianchissima più de le nuvole del suo infinito oppositore, labbra carnose di odio, naso perfetto come ‘l suono perpetuo dei suoi fiumi infernali allattati dal pianto dei dannati. Capelli color dell’oro ove punte di sangue innocente trovano luogo e denti bianchi ribelli alle tenebre. 
I demoni, affogati dalla saliva dell’odio, lo venerano, Padre lo chiamano, ed in questa valle sconsolata, il punto più in basso dell’universo, lo adorano; ma lui è per sé solo. 
Non meno angosciato è il Dio dei cieli che diletta i secoli con l’indifferenza; e di indifferenza governa la terra. Queste anime dannate, l’una verso l’altra di amore si cibavano, imperano questo regno del pianto; per orgoglio rimangono eretti nei propri troni, credendo di essere l’un più in alto dell’altro; perché a seconda del punto di vista si vede in profondità l’altro. 
Così Lucifero, volgendo li occhi al cielo, che per lui è sotto di lui, ricorda il suo amato e così, con non minore amore, il Dio volge li occhi stupendi alla sua anima ritrovando Lucifero venerato. 
Il Dio possiede un trono bellissimo, con oro che disgusterebbe persino il più avaro fra li uomini, il celeste regna come nelle sue pupille, giacinto giunto dal regno dell’azzurro; il suo volto eternamente fanciullo ha fatto innamorare Venere e l’intero creato si muove come atto di preghiera; la sua magnificenza è tale che giustamente gli scarafaggi umani lo venerano. 
Entrambi per amore tollerano l’esistenza dell’altro. Egli venera l’amato Lucifero; nel silenzio della sua anima. Ecco! parliamo di quell’anima che gli eserciti degli angeli da secoli hanno tentato di penetrare con i loro sguardi capaci di comprendere gli universi; i suoi capelli neri hanno saziato la notte, mentre il dorato trova nella sua pelle luogo e tempo. 
Tutte le sofferenze di tutti i secoli e di tutte le lande del pianto degli umani sono un nulla di fronte alle lacrime di Lucifero: di lui il popolo dei morti, tormentato dal castigo eterno della fine del desiderio, ne ha compassione e non solo per se stesso piange, ma soprattutto per il suo imperatore; splendono di più le lacrime che le stelle. Oh Lucifero, maladetta aurora, dimentica le cose del giorno; abbracciati, poiché nessuno questa notte ti abbraccerà.

Luogo è dall’albe remoto; nel centro dell’universo l’oscurità sogna e l’incubo vien tradito da lucciole che sono le lacrime dei dannati. Si intravede, attraverso un blu nervosamente, un colle ove sopra regna, nero come un livido, come un capezzolo di un’arpia, un maestoso castello relitto di tempi eterni; mura malefiche, come peccati taciuti o promesse rinnegate, si alzano al cielo come bestemmie; piante malefiche, di un verde cinereo, si strusciano come lingue di peccatrici alzandosi fra le mura come urla; di lontano, sull’orizzonte, si intravedono le crudeli cupole del globo che fan da cappello alla lordura delle basiliche. A nessuno, neppure ai demoni più fedeli, neppure ai segugi infernali che allietano il male che non dorme mai, è concesso di entrare: nella sala più vasta, nel trono imperiale, rosso di sangue, impossibile che la mente guardi altro che, in qualche modo, lì è reso perfetto e rassicura dell’oscurità che lo circonda, lo ‘mperator del doloroso regno si erge. 
Ghigna il sudore, estraneo così a qualunque minatore di inferni artificiali; come quando un treno passaci così velocemente accanto che l’aria regola e qualità non possiede, così il naso non detiene argomenti; la lingua sente il peso di una gravità nuova che la inchioda, nessuna favella, incatenate nell’animo come un mastino infernale che ha poteri sovrumani ma la sua frenesia ammutolita dal greve suono delle catene; pur li occhi tradiscono un desiderio infinito. Come i fulmini nascono dall’incontro della crosta terrestre con le reliquie del cosmo; così la paura è tale che false ombre crea. Ah come lacrimano gli occhi; esistono enti indefinibili, eppure, nominandoli, li distinguiamo (mirate un’ondulazione sopra un suolo bollente, intuirete) così lo sguardo non si possiede, eppur sa di vedere. Nel trono dell’imperatore, tali parole si possono leggere:

È giusto; dimenticano i viventi

le parole retro le quali torme

indistinte dell’esistenza vivono;

eppur il mio popolo ancora sogna,

e non può fa’ altro che ‘l sognare il sempre.

Nervosamente, senz’alcun movimento umano, Lucifero muove i capelli, e sì facendo un suono stridulo ne esce; che le orecchie si dilaniano ed in un mare di sangue trovano l’agognato silenzio. Appare l’ultima volta, accanto a Lucifero, Maldoror, che rappresenta la perpetuità, che simboleggia il sempre, ci guardiamo ne li occhi e ci giuriamo un amore dilaniante. Qui termina il podere dello spazio esteso: uno Shinigami dalle ali nere come il tradimento e dai denti sporchi come la falsità dei cieli, con le unghie carche di secoli di angoscia, scrive questo nome sul suo braccio e ghigna per la fiera preda che ottiene; ma non smette di vaneggiar la valle d’abisso nel mio desiderio.

  da:  La Morte del Tempo di Giancarlo Petrella, ed. Feltrinelli

Ah, Faust,
Adesso non hai che un’ora da vivere,
E poi sarai dannato in eterno.
Sfere celesti in moto perpetuo, fermatevi,
Che il tempo possa cessare e mezzanotte mai giungere.
Occhio lieto della Natura, sorgi, sorgi ancora e fai
Un giorno eterno: o lascia quest’ora essere
Un anno, un mese, una settimana, un giorno,
Che Faust possa pentirsi, e l’anima salvare.
‘O lente lente currite noctis equi’

  1. Marlowe – 

da: Il Dottor Faust


La morte degli innamorati

Lui sapeva della morte solo

quello che tutti sanno: che ci prende

e nella muta dimora ci spinge.

Ma quando lei da lui, no, non strappata,

ma lievemente sciolta dai suoi occhi,

scivolò ad ombre ignote, e lui sentì

che laggiù il suo sorriso di fanciulla

era come una luna a far del bene;

Allora i morti a lui furono noti,

quasi per lei di loro con ognuno

fosse parente: e lasciò parlare gli altri,

Senza prestarvi fede, e quella terra

Dolcissima  chiamò, ed ameno luogo.

E  la tastò per giungere ai suoi piedi.

– Rainer Maria Rilke –


Buona giornata a tutti. 🙂

www.leggoerifletto.it

                                         LeggiAmo 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...